Piattaforma didattica online accessibile agli allievi sordi

menù

La prima città

Nella Bassa Mesopotamia (regione chiamata anche Babilonia) apparve la prima città fra il 5° e il 4° millennio a.C.
Già nel 9° millennio a.C. si costruivano gruppi di case circondate da un muro difensivo, ma questi non costituivano città vere e proprie.
La città di Uruk in Sumeria fu costruita nel 4° millennio a.C. ed era una metropoli enorme, circondata da un muro difensivo.
Al suo interno vi era una zona di edifici monumentali, che servivano per il culto e per le funzioni civili.
C’era anche una zona in cui vivevano e lavoravano persone che svolgevano vari mestieri e professioni, organizzate in lavoratori dipendenti e dirigenti.
C’era anche una classe di mercanti che organizzavano l’esportazione e l’importazione di beni anche con paesi molto distanti.
Prima di questa città, esistevano solo piccoli villaggi senza edifici monumentali, in cui i membri delle famiglie svolgevano tutte le attività necessarie.
L’abbondanza d’acqua dei due grandi fiumi: il Tigri e l’Eufrate, rese possibili raccolti abbondanti, che originarono scambi commerciali.
La fitta rete di rapporti economici e sociali dette origine alla nascita della scrittura.